Lo spiritualista e l’informazione

Uno spiritualista del terzo millennio deve essere informato su quello che succede nella società. Questo non vuol significa che egli debba prendere parte negli eventi, ma vuo dire poter trarre dalle vicende politiche e sociali alcuni preziosi insegnamenti per quel che riguarda la psicologia umana e la ricaduta delle azioni sull’inconscio collettivo. La sua capacità di amare la società e i suoi singoli componenti lo pone in una posizione privilegiata. Posizione che gli consente di depurare gli accadimenti dalle eventuali proprie passioni e di progredire oltre queste grette dinamiche umane. Va detto che se tale spiritualista ha la “disgrazia” di vivere nella penisola italica(isole incluse) non saprà granchè degli eventi che si verificano quotidianamente nel resto del mondo. Paradossalmente nel Paese che fu di Marco Polo, di Tucci e di Maraini, uomini sì, di mondo, succede che  nell’era della comunicazione si forniscono notizie di quartiere, solo notizie dell’italietta. Per contrappeso in molte nazioni estere sono proprio degli astuti faccendieri italiani a farla da padrone sulla cronaca politico-economica. Il caso Ottavio Quattrocchi in India è emblematico e viene rispolverato da più di 10 anni quando si vuole mettere in difficoltà la inossidabile Sonia Gandhi. In Giappone l’assassino ricercato del Circeo è un florido uomo d’affari. Il quale, caso fu più unico che raro, ha ottenuto la cittadinanza giapponese. “Cittadinanza Giapponese” è un non senso, una cosa inimmaginabile per uno straniero(Gayjiin = l’uomo dentro da fuori). Questo deve aver comportato anche le neccessarie compiacenze  dell’ambasciata italiana alla quale le autorità giapponesi, stante il loro rigore, avranno fatto naturalmente riferimento.

Di tutto questo il cittadino italiano non sa mai niente. Oggi una persona di media cultura e di aspirazioni “superiori” non può essere costretta a trastullarsi col ripetitivo piatto televisivo italiano. Uno è cittadino del mondo. Nel mondo opera il Dharma. Il suo Paese Italia lo difende sempre più dal resto del mondo. La città e le lande della provincia monotona vivono prigioniere di un misero consumismo e ognuno sente in cuor suo che qualcosa non va. Ma rimanda la ricerca dei “Perchè” e dei “Per come”. E come se non bastasse quest’uomo non si interessa nemmeno di ciò che accade nel mondo. Di alcune cose saprà, ma forse quando sarà troppo tardi. Quando nasceranno un Euro si serie A e uno di serie B. E il suo sarà il secondo. Alla fine, tra non molto, una crisi economica pesante toccherà il benpensante italiano che ridurrà i consumi e inizierà a riflettere su quel che dura e veramente conta.

(Giovanni David Canepa, dall’India Jagannath Puri 6.01.11)

Diritti Riservati

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...